Tradizione borgomanerese

Poesia dialettale borgomanerese

 

Ah! Al tapulon quond l’è ben trià
Fin fin cumè la carni d’insachè
Al fa ristevi, credemmi, incantà
L’è un piatu da Nadal, da Carnuvè,
dal dè ‘d Pasqua, dal dè ‘d Ascension,
ad Son Furtunà e Son Bartulamè.

 

Gianni Colombo – “Al Tapulon” da ‘Na Misciuronda – Vecchi Editore, 1925
Apparso nei Quaderni Borgomaneresi “Borgomanero a Tavola”

 

Traduzione:

Ah! Il tapulone, quando è ben tritato, fine come le carni di insaccato, fa restare – credetemi – incantati. E’ un piatto per Natale, per Carnevale, per Pasqua e per l’Ascensione, per San Fortunato e per San Bartolomeo (patrono di Borgomanero n.d.r).